espandi testo BAARIA

Grandi Eventi Organizzati dai Maitres A.M.I.R.A. di Palermo

gen 13

BAARIA

PALERMO. Il meglio d’eccellenza artistica e professionale della Sicilia si sta esprimendo in Baarìa, il nuovo film di Giuseppe Tornatore, non solo nella fattura dell’opera ma anche in tutte le iniziative di presentazione. E pure i maitre A.M.I.R.A di Palermo hanno ben giocato la loro parte, ricavandone sentite manifestazioni di apprezzamento, nel corso della serata di gala con oltre 500 ospiti che si è svolta lo scorso 23 settembre nelle splendide sale liberty di Villa Chiaramonte Bordonaro a Palermo sotto la direzione del collega Antonino Scarpinato. Sempre all’insegna dei grandi numeri e dell’indiscusso successo di pubblico, a Palermo e Bagheria come alla Mostra del cinema di Venezia, e adesso di spera anche a Los Angeles. Perché, dopo aver realizzato un incasso record di due milioni di euro nel primo fine settimana di programmazione, Baarìa è stato subito candidato dall’Italia anche agli Oscar come miglior film straniero e si attende con trepidazione il 2 febbraio la scelta dell’Academy. Comunque vada, Baarìa è un grande film. Un colossal siciliano, un’opera costata 25 milioni di euro per raccontare speranze e delusioni di tre generazioni, con il microcosmo di Bagheria che diventa storia universale, che racconta passioni privatee contemporanemante i  sogni e le delusioni di un’intera comunità dal fascismo al comunismo, un grande affresco a mosaico raccontato da nuove star e vecchi talenti, con il filo conduttore magico delle sempre meravigliose musiche del maestro Ennio Morricone e l’inconfondibile tocco stilistico delle inquadrature del regista bagherese. Qualche altro numero che dà un’idea della monumentalità dell’opera: c’è voluto un anno intero per realizzare tutte le scenografie e sistemare le location, in parte in Sicilia ma anche in Tunisia dove, alle porte di Hammamet, è risultato più conveniente ricostruire la Bagheria di ieri che adesso non c’è più; poi sono state ben 25 le settimane di riprese, quasi tremila i costumi per i 210 personaggi che costituiscono il complesso affresco corale, 63 attori professionisti e 35.000 comparse, tutta la cittadina di Bagheria coinvolta. E’ nata una stella, la bellissima Margareth Madè nei panni di Mannina, si è affermato definitivamente l’altro protagonista, l’attore Francesco Scianna nel ruolo di Peppino, ma come non citare, fra i tanti altri professionisti siciliani che hanno un ruolo in Baarìa, Salvo Ficarra e Valentino Picone, Beppe Fiorello e Nino Frassica. Un grande sforzo produttivo e di promozione, privato e pubblico: accanto alla Medusa film, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero della Cultura, la Regione siciliana, il Comune di Bagheria.  Gran parte del numerosissimo cast, i rappresentanti della produzione e degli enti coinvolti, personalità politiche e autorità militari si sono ritrovati al mega evento di gala di Villa Chiaramonte Bordonaro dove anche la professionalità dell’Amira ha potuto brillare per festeggiare il debutto nelle sale del film il successivo 25 settembre. Poco importava che la giuria della Mostra del cinema di Venezia non ha assegnato un premio e la critica specializzata è stata tiepida, il pubblico della Laguna ha decretato all’anteprima del film quindici minuti di applausi, ed un tributo altrettanto caloroso l’opera l’aveva precedentemente ricevuto anche alla presentazione speciale al Festival di Toronto. Per il regista Tornatore che, ricordiamolo, ha già vinto l’Oscar con il film Nuovo Cinema Paradiso, è il giudizio del pubblico quello che conta. Quindi grande festa a Palermo in attesa dell’anteprima a Bagheria fissata per il giorno successivo e poi del responso delle sale che si è risolto, come si è detto, in uno strepitoso immediato successo. E adesso si aspetta l’Oscar. Grande serata quella di Villa Chiaramonte Bordonaro, di livello internazionale, magistralmente diretta dal collega Nino Scarpinato che ha ricevuto i complimenti da parte dello stesso Giuseppe Tornatore, dal maestro Ennio Morricone e dai protagonisti Francesco Scianna e Margareth Madè. Così ancora una volta la professionalità dei MAITRE A. M. I. R. A. è stata apprezzata e ha avuto il plauso dei presenti.

Alma Torretta

 img img img img img img 

 

 

13/01/2010